IT / EN

zanotta.it

  • Lifestyle

A Milano nasce LARTE

La scommessa è di far convivere il meglio dell’enogastronomia con le arti, il design e la moda italiani in un contesto contemporaneo di alto livello e aperto al mondo. LARTE è questo e altro ancora. Un ristorante, una caffetteria-cioccolateria, un’enoteca, una vetrina di sapori, profumi, suoni, oggetti che comunicano lo stile di vita italiano. Il concept nasce a Milano, culla della moda e del design, ma si apre all’universo internazionale degli opinion makers, dei creativi, degli imprenditori, di chi viaggia con curiosità e buongusto. L’indirizzo è strategico: via Manzoni 5, nell’edificio storico che fu la casa del grande Carlo Emilio Gadda. Una manciata di passi dal Teatro alla Scala, dal Museo Poldi Pezzoli e Le Gallerie d’Italia, a pochi minuti dalla casa del Manzoni, da Palazzo Marino e dalla Galleria Vittorio Emanuele II. Brera, il quadrilatero della moda e le vie degli showroom di design ne abbracciano i confini.
Tredici i soci fondatori, presieduti da Davide Rampello, che afferma: «Siamo certi che LARTE possa diventare il primo dei club di Altagamma e un luogo rappresentativo della prossima Expo. L’arte dell’accoglienza e la raffinatezza degli interni si sposano con proposte culturali e commerciali d’eccellenza. Ma sono le relazioni tra le persone che lo frequentano, il piacere di incontrarsi e conoscersi attorno ai suoi tavoli, a farne un posto speciale». Durante la presentazione a stampa e addetti ai lavori, l’Assessore alla cultura del Comune di Milano, Filippo Del Corno aggiunge: «Milano è uno scrigno di arte e cultura, di bellezza e di ospitalità. Questo luogo rappresenta al meglio la città e le sue espressioni di creatività e abilità imprenditoriale».
LARTE, come emerge dal racconto di chi l’ha ideata, progettata, arredata, accessoriata e comunicata, ha tutti i numeri per diventare il palcoscenico della tradizione manifatturiera, culinaria, industriale e artistica del nostro Paese. Un luogo non museale, bensì contemporaneo e vivo, spettacolare quanto basta ad attirare chi è alla ricerca del nuovo, e altrettanto legato al mondo dell’innovazione e della qualità d’impresa. Non a caso, accanto a un’offerta unica di vini e cibi delle più prestigiose aziende italiane (la buona cucina resta l’anima del locale), LARTE mette in vetrina oggetti di design, moda e arte. Un catalogo illustrato stila la “lista degli oggetti”, proponendo via via prodotti del made in Italy più significativo.
L’arredamento delle sale che compongono questo “teatro della convivialità e della cultura” è affidato a Zanotta che ne declina angoli e funzioni con pezzi di design che interpretano la filosofia del progetto: tavoli Spillo con piani quadrati in cristallo e rettangolari con finitura in cemento color senape, poltroncine Calla in morbida lana beige, mobili componibili Adhoc con una speciale verniciatura bronzo “soft”, stessa linea per l’infilata di vetrine bifacciali in cristallo che compongono la sala d’ingresso. Si aggiungono, nell’area bar, le sedie Kate ricoperte in cuoio e nell’ampia sala con gli storici tavoli Reale di Carlo Mollino (design 1946) le sedie Eva. Un banco bar modulare e trasformabile consente di mutare l’allestimento in funzione di eventi speciali e mostre temporanee. «Gli ospiti troveranno di volta in volta gli spazi trasformati in racconti sempre nuovi e sorprendenti» conferma Andrea Illy, presidente attuale di Altagamma.