IT / EN

zanotta.it

  • Dal disegno al prodotto

Completamente in cuoio

Lo sgabello Nuno, dalla duplice funzione di seduta e porta-oggetti, è una “piccola opera creata con amore”, come lo descrive il designer giapponese che lo firma per Zanotta.

«Il segreto di questa seduta in cuoio è nel suo nome: Nuno. Così si chiama il genio dell’equitazione praticata con finezza, il portoghese Oliveira (scomparso nell’89). La sua dote era di sentire il punto di equilibrio in ogni cavallo che montava. Nuno vuole incarnare sotto forma di elegante oggetto d’arredo le qualità di metodo, garbo e forza che il Maestro “caballero” aveva diffuso con insuperabile competenza. L’ho voluto disegnare nell’anno del cavallo cinese, il 2014 e ritengo mi porterà fortuna». Così il designer giapponese Kensaku Oshiro, che ama il cavallo e la natura, descrive questo prodotto ideato per Zanotta e con il racconto del suo progetto Happenings completa la gamma dei pezzi che, dalla primavera, passano il testimone alle novità 2015. Materico e pregiato, ispirato alle sapienti lavorazioni dei sellai, ha la duplice funzione di sgabello-scultura e di pouf porta-oggetti. «Nuno è anche un omaggio alla tradizione di fabbricazione artigianale mista a innovazione di Zanotta», spiega Oshiro. «Tra schizzi, studi e modellini ho impiegato oltre un anno a metterlo a punto. E’ nato un elemento d’arredo dove la cura dei dettagli, le cuciture, le cinghie, la robustezza e la matericità del cuoio contribuiscono alla bellezza, conferendogli quel fascino che lo rende più prezioso col passare del tempo». La storia personale e professionale di Kensaku Oshiro (classe 1977, pluri-premiato dalle giurie del design internazionale) comincia con il diploma a Milano, Scuola Politecnica di Design, dove si distingue a tal punto che viene presto chiamato nello studio di Piero Lissoni, dove resta otto anni. Un’esperienza cui si aggiunge la scoperta e l’analisi del “metodo Castiglioni”, un approccio che Oshiro reputa fondamentale per la sua formazione di designer. «Lavorare per Zanotta è stato per me un onore, è un’azienda che affonda le sue radici nel migliore design del mondo. Non a caso, i pezzi dei Castiglioni nel catalogo Zanotta sono molti e distribuiti nell’arco di un trentennio. L’ironia, la libera interpretazione della forma, il saldo ancoraggio alla funzione sono i pilastri dello spirito che mi ha trasmesso la lezione di Castiglioni. Con Nuno ho così voluto fare un oggetto d’uso, che arreda e dura nel tempo». Lo sgabello e “sella” porta-oggetti Nuno fa parte di quei pezzi d’arredo da impiegare negli angoli del soggiorno come fossero piccole sculture in uso, da accarezzare con piacere. La struttura in Polimex® interamente ricoperta in morbido cuoio prevede un sedile apribile sotto il quale si cela un vano rivestito anch’esso di cuoio pregiato. «Sì, la struttura interna ha un telaio portante contro-tamponato in cuoio con grande maestria», afferma Oshiro, che aggiunge: « Alcuni potrebbero definirlo un dondolo moderno, in realtà la seduta è inclinata sui due spigoli esterni per alleggerirne la linea».

Nuno-blog2
Nuno-blog3

 

 

Kensaku-Oshiro_blog