IT / EN

zanotta.it

  • Exhibition

Salone Internazionale del Mobile di Milano 2017

Un imponente palazzo, un’architettura bianca e minimale, con grandi aperture trasparenti e piccole finestre attraverso le quali scorgere scene di vita quotidiana. “Ci siamo ispirati alle installazioni video di Bob Wilson e Bill Viola. Un omaggio a due grandi maestri!” dichiarano gli architetti Fabio Calvi e Paolo Brambilla autori dello stand Zanotta al Pad. 16, contenitore delle tante novità 2017.

Uno scrigno che idealizza il concetto di casa, come luogo dell’abitare quotidiano, in cui gli arredi non sono oggetti decorativi ma elementi da usare e vivere appieno. E la casa è vissuta anche all’interno dove ritroviamo le installazioni video – a cura di Marco Pozzi per Quelquechose – inserite come piccoli osservatori curiosi e un po’ indiscreti della vita familiare che vi si svolge.
Nove ambientazioni, ciascuna definita da una precisa nuance cromatica, dove gli architetti hanno giocato con forme, materiali e colori, declinandoli con il proprio savoir faire. Un invito a fare altrettanto perché la casa è uno spazio libero da riempire con il proprio stile e il proprio gusto. Un mix di fantasia e volumi da reinventare ogni volta che si desidera. Una casa in evoluzione, che cambia proprio come chi vi abita. Il layout espositivo è composto da cinque aree, non fruibili ma narrative, contenenti le novità 2017. E quattro, al contrario fruibili e operative, in cui i prodotti si possono toccare e provare, in breve vivere.

Quest’anno Zanotta si presenta con novità interessanti, confortevoli e versatili, perché la casa di design deve essere vissuta in modo totale. I nuovi prodotti, protagonisti dell’allestimento, sono: il tavolo Tweed -design Garcia Cumini, il comodino Taschino – design Gabriele Rosa, il divano Flamingo – design Damian Williamson il letto Hotelroyal – design Terri Pecora, la poltrona Judy e il tavolino Emil – design Frank Rettenbacher, il tavolino Niobe - design Federica Capitani. Lo stand e i prodotti Zanotta 2017 puntano alla celebrazione dell’abitare quotidiano, fil rouge che unisce lo styling affidato allo Studio Salaris che sviluppa il tema del colore sempre presente. Per Alessandra Salaris “I colori scelti, uno per ogni casetta sono declinati con nuances che parlano tra di loro e si armonizzano creando un equilibrio di forme e colori”.

Le grafiche sono di Leonardo Sonnoli, giunto al terzo anno nella collaborazione con Zanotta come Graphic Designer. Dichiara Sonnoli: “abbiamo ripreso dal ricco e straordinario passato di Zanotta l’idea di comunicare l’azienda con la sola Zeta. Quest’anno la lettera si sviluppa in alcuni pattern geometrici che includono le Zeta talvolta in modo ambiguo con inaspettati effetti optical”. Layout, grafica e ricerca di stylist per emergere e vivere il concetto di family house.

 

Salone_2017_1IG02

 

Salone_2017_2IG02

 

Salone_2017_3IG02